Gioielleria Parametrica con Grasshopper

€130,00

Questo è un corso basico del plug-in GRASSHOPPER di Rhinoceros. L'obbiettivo è introdurre la geometria parametrica ai designers di gioielli che già usano la modellazione 3D.

La modellazione parametrica è l'evoluzione della modellazione 3D tradizionale, dove lavoriamo un unico modello. Nel parametrico non facciamo la creazione di un modello fisso ma una definizione dove i parametri sono cambiabili permettendo di ottenere infiniti modelli da una unica definizione.

Il corso contiene 210 minuti di video, comprendendo 16 videolezioni passo a passo in cui svilupperemo 5 definizioni complete - una definizione sarebbe uno script, nel caso di grasshopper possiamo dire una programmazione visuale. In ogni definizione lavoriamo concetti importanti per la modellazione di gioielli.

Per eseguire questo corso è necessario almeno una conoscenza basica del software rhinoceros.

GRASSHOPPER è un plug-in gratuito di Rhinoceros. Per ottenerlo vai al link qui sotto per il download:

http://www.grasshopper3d.com/page/download-1

Vieni a scoprire come la modellazione parametrica può rivoluzionare il tuo modo di modellare!

Clicca qui per accedere alla lezione di prova, che è disponibile gratuitamente per valutazione.

Guarda il video di presentazione del corso:

Programma per lezione

Lezione 01 - Introduzione: Lezione introduttiva su GRASSHOPPER. Gli argomenti trattati sono: breve spiegazione sulla schermata e sul menu, creare un nuovo file, inserire un componente dentro la schermata, definizione di parametri e componenti, collegare / scollegare parametri e componenti, cerchio, piano di costruzione, editare number slider, punto, copiare / cancellare comandi e significato dei colori dei componenti.

Definizione 1

Lezione 02 - Definizione Basica per Anello o Bracciale (prima parte): In questa lezione, lavoreremo la prima parte di una costruzione molto basica che potrebbe essere la base della modellazione di un anello o di un bracciale. Gli argomenti trattati sono: circle, vector, move, divide curve, line, pipe, number slider e differenza tra un collegamento singolo e doppio (prima nozione di lista).

Lezione 03 - Definizione Basica per Anello o Bracciale (seconda parte): Questa lezione è la continuazione della lezione precedente, dove stiamo lavorando sulla definizione base di un possibile anello o bracciale. Gli argomenti trattati sono: chiusura forma tubolare (pipe), nascondere, bake, aprire e salvare un file in grasshopper.

Definizione 2

Lezione 04 - Definizione Anello Bombato Rastremato (prima parte): Prima lezione sulla definizione di un anello bombato, dove tutti i parametri di costruzione sono variabili, come: diametro anello, angolo di rastremazione, larghezza e bombatura (inferiore, laterale e superiore). Gli argomenti trattati sono: circle, move, unit vector (Y), rotate e point on curve.

Lezione 05 - Definizione Anello Bombato Rastremato (seconda parte): Seconda lezione sulla definizione di un anello bombato, lavoreremo con la costruzione di 4 curve di sezione (superiore, inferiore, laterale destra e laterale sinistra). Gli argomenti trattati sono: mirror, point on curve, line, arc (3pt), move, unit X e Z, reverse e join.

Lezione 06 - Definizione Anello Bombato Rastremato (terza parte): Terza e ultima lezione sulla definizione dell'anello bombato. Faremo la creazione del solido tramite il comando sweep 2 binari, useremo il comando bake per portare l'anello da grasshopper a rhino e impareremo a rinominare i parametri per gestire meglio la definizione.

Definizione 3

Lezione 07 - Definizione per l'Applicazione di Pavè Lineare (prima parte): Prima lezione sulla definizione 3, uno script per l'applicazione di pavè lineare su una superficie. Prima di cominciare lo script, faremo questa lezione introduttiva su alcuni comandi e concetti avanzati di grasshopper, come albero, flatten e graft. Questo ci permetterà di capire e cambiare la struttura dei dati.

Lezione 08 - Definizione per l'Applicazione di Pavè Lineare (seconda parte): In questa lezione cominceremo una definizione per l'applicazione di pavè lineare su una superficie. Sarà possibile cambiare diversi parametri come diametro e larghezza della superficie, diametro della pietra, numero di linee di pavè e la quantità di pietre applicate su ogni linea. L'obbiettivo di questa lezione è suddividere la superficie totale in piccole regioni. In ogni regioni sarà applicata una pietra. Gli argomenti trattati sono: circle, move, divide curve, loft, line, list item, surface split, lenght, division e series.

Lezione 09 - Definizione per l'Applicazione di Pavè Lineare (terza parte): Ultima lezione della definizione 3, applicazione di pavè lineare su una superficie. L'obbiettivo è inserire un punto sul centro di ogni regione per l'applicazione della pietra, posizionare (pietra, griffe e elemento di taglio) su questi punti e ruotare gli elementi in modo che siano perpendicolari alla superficie. Gli argomenti trattati sono: inserire in grasshopper un modello fatto in rhino, area, pull point, surface closest point, evaluate surface, vector(2Pt), vector display, rotate, orient, scale e bake.

Definizione 4

Lezione 10 - Definizione per l'Applicazione della Distribuzione Voronoi su un Anello (prima parte): Prima lezione sulla definizione 4, uno script per costruire un anello usando la distribuzione voronoi. Questa ci permetterà di cambiare diversi parametri come: diametro e larghezza anello, numero di cellule voronoi, distanza tra le cellule e spessore del solido. Gli argomenti trattati sono: diagramma di voronoi (concetto), circle, move, loft, area, division e plane surface.

Lezione 11 - Definizione per l'Applicazione della Distribuzione Voronoi su un Anello (seconda parte): Seconda lezione sulla definizione 4, uno script per costruire un anello usando la distribuzione voronoi. Gli argomenti trattati sono: deconstruct brep, join (unire), offset curve, populate 2D, voronoi, explode (esplodere), nurbs curve, extrude (estrudere), cap holes (chiudi fori piani) e solid difference (differenza booleana).

Lezione 12 - Definizione per l'Applicazione della Distribuzione Voronoi su un Anello (terza parte): Terza e ultima lezione sulla definizione 4, uno script per costruire un anello usando la distribuzione voronoi. Gli argomenti trattati sono: rotate, bounding box, surface morph, construct domain, divide domain² e multiplication. L'obbiettivo è applicare il solido costruito sul piano alla superficie circolare.

Definizione 5

Lezione 13 - Definizione per l'Applicazione della Distribuzione Voronoi (3D) su un Anello Bombato (prima parte): Prima lezione sulla definizione 5, un algoritmo per applicare la distribuzione voronoi su un anello bombato. In questo caso la distribuzione è tridimensionale. Tutti i parametri di costruzione sono variabili, come: diametro anello, angolo di rastremazione, larghezza, bombatura (inferiore, laterale e superiore), numero di cellule voronoi, distanza tra le cellule, spessore dei bordi laterali e del solido. Gli argomenti trattati sono: line, move, extend curve, extrude, reverse, mirror, split brep, list item e plane surface. L'obbiettivo è individuare la superficie per l'applicazione della distribuzione voronoi.

Lezione 14 - Definizione per l'Applicazione della Distribuzione Voronoi (3D) su un Anello Bombato (seconda parte): Seconda lezione sulla definizione 5, un algoritmo per applicare la distribuzione voronoi su un anello bombato. Gli argomenti trattati sono: populate geometry, bounding box, voronoi 3d, brep/brep, explode, nurbs curve, patch, area, divide curve, vector 2pt, unit vector, multiplication, move e vector display. L'obbiettivo è, tramite la distribuzione di voronoi, creare curve su una superficie bombata per il traforo.

Lezione 15 - Definizione per l'Applicazione della Distribuzione Voronoi (3D) su un Anello Bombato (terza parte): Terza lezione sulla definizione 5, un algoritmo per applicare la distribuzione voronoi su un anello bombato. Gli argomenti trattati sono: nurbs curve, split surface, list item, area, pull point, evaluate surface, surface closest point, vector display, extrude, move e reverse. L'obbiettivo è creare gli elementi di taglio per traforare l'anello.

Lezione 16 - Definizione per l'Applicazione della Distribuzione Voronoi (3D) su un Anello Bombato (quarta parte): Quarta e ultima lezione sulla definizione 5, un algoritmo per applicare la distribuzione voronoi su un anello bombato. Gli argomenti trattati sono: offset (surface), brep edges, list item, loft, brep join e solid difference. L'obbiettivo è costruire l'anello (solido) e traforarlo per ottenere il pezzo finale.

Prezzo: €130,00
Per più informazioni guarda le Specifiche Tecniche e Istruzioni. Prima di comprare leggi le Condizioni d'Acquisto e l'Informativa Privacy.

Claudia Del Priore - Designer Gioielli - Authorized Rhino Trainer - Partita IVA 07959420964